.
Annunci online

  giovanescribano [ Monitoraggio dalla redazione di Blog Tv ]
 
 
         
 


Ultime cose
Il mio profilo


Ordine dei Giornalisti
La Repubblica
Settimanale per cui scrivo
Secondo settimanale per cui scrivo
L'Unità
Democratici di Sinistra
Ordine dei Giornalisti
Ordine dei Giornalisti
Il Manifesto
L'Espresso
U.S. Catanzaro
Liberazione
Marco Travaglio
Giordano Bruno Guerri
Costituzionalismo
Scienze della Comunicazione
Dagospia
Il Barbiere della Sera
Comincia l'Italia
Blob
Neapolis
Report
Radio Uno
Viral Video
Massimo Fini
Che tempo che fa
Sintesi Dialettica
Il Pendolo
The Blog Tv

cerca
letto 1 volte

Feed RSS di questo blog Rss 2.0
Feed ATOM di questo blog Atom
 


20 ottobre 2006

SOGNO O SON DESTO?

Mi sembra d'impazzire.
Il Papa  afferma
ieri che "la Chiesa non fa politica" (tanto ci sono i politici che comunque si faranno avanti per ingraziarsi le sue lodi) e poi dice questo:

1) "L'amore gay è debole e deviato (???)..."Non bisogna introdurre nell'ordinamento pubblico altre forme di unione che porterebbero a destabilizzare la famiglia".

2) Denuncia "Ritardi dannosi nel riconoscere la funzione e nel permettere l'attività alla scuola cattolica"...

3) Bisogna "battere l'ondata di laicismo".

4) "No a Pacs, aborto e eutanasia"

Chiedo scusa, ma questa mi sembra un'entrata a tutto campo verso temi di attualità che riguardano la società civile. Lanciare dei messaggi e chiedere dei cambiamenti, o dei progetti in seno ad essa significa comunque, che lo si voglia o no, "fare politica".
Il Papa ha tutto il diritto di affrontare queste tematiche ed esprimere il suo parere in quanto massima autorità della Chiesa Cattolica, ma contemporaneamente non ci dica che la sua religione non fa politica.
Il boicottaggio del refendum sulla fecondazione assistita, con il dinamismo del Cardinal Ruini, son l'ultima evidente ("invadente") testimonianza concreta.




permalink | inviato da il 20/10/2006 alle 16:56 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa

sfoglia     settembre        novembre



"Lo scrittore è una spugna che assorbe la vita per risputarla sotto forma di idee..."



Vivi secondo il tuo desiderio, perchè non c'è nessun peccato salvo la stupidità"

        

"Questo è uno dei significati più esaltanti dell'idea libertaria, liberare le nostre domande, lasciar uscire le istanze che premono all'interno delle nostre cellule, senza voler trovare risposte indiscutibili"



      
"Fingi una virtù, se non ne hai".  William Shakespeare.



Preferiamo farci "massa" per non incontrare la nostra individualità. E nel fare ciò non ci accorgiamo che rispondiamo perfettamente alle aspettative del Potere che ci vuole appunto massa indistinta da poter manovrare a suo piacimento su un tappeto di contanti



"E' la stampa bello mio...e tu non puoi farci proprio niente!"  



"Canterò le mie canzoni per la strada,
ed affronterò la vita a muso duro,
un guerriero senza patria e senza spada,
con un piede nel passato
e lo sguardo dritto e aperto sul futuro"



"Il gusto di liberarsi, finalmente,
da ogni schiavitù di certezze,
dogmi, idee a priori,
non solo nella testa.
anche nella propria vita.
Il riconoscimento della complessità,
la volontà di ricerca,
sempre e comunque"



"La vita andrebbe vissuta all'insegna di un continuo elogio della libertà.
Una libertà che è bello immaginare
al di fuori della morale,
al di fuori della tradizione e della schiavitù
dei pregiudizi sociali e civili.
Senza preti e senza padroni,
senza frontiere e senza limiti"